All night long in the bookshop. Tutta la notte in libreria. Sabato 24 Marzo a Cagliari

Da “L’unione Sarda” del 23 marzo 2012.

Tutta la notte in libreria

Domani, da  “Piazza Repubblica Libri”, pigiama party culturale

Un po’ come una notte al museo dove le storie fantastiche prendono forma complici le tenebre. “A night in the bookshop, aspettando la primavera delle librerie” è una scommessa che prenderà corpo domani sera alla Piazza Repubblica Libri di Cagliari. Un pigiama party colto che radunerà gli amanti della lettura dalle 22 all’indomani.
PIGIAMA E LIBRI «Ingredienti: caffé, brandina o sacco a pelo, abat jour, occhiali», spiega l’organizzatore Patrizio Zurru. «Posti limitati e precedenza ai Vir, i Very important readers», gli iscritti all’associazione Lìberos. «Ma soprattutto libri a volontà da leggere a voce alta, da condividere, scoprire o riscoprire insieme». Ora, è chiaro che un’iniziativa così ha fatto subito scalpore registrando, dopo pochi giorni dal suo lancio, 141 iscritti.«Un’idea spiazzante. Ho fatto per tanti anni il turno di notte, mai avrei pensato in una libreria». Il commento del chirurgo Stefano Dedola, sassarese, cagliaritano d’adozione, riassume l’entusiasmo dei partecipanti.
TATTICHE ANTI-CRISI Dietro l’evento si nasconde una strategia più complessa che il mondo legato alla salvaguardia della lettura e al suo commercio ha deciso di mettere in campo in un momento di crisi e cambiamenti epocali. Subito i dati: «Rispetto al 2011 il calo delle vendite di libri in città si è attestato su un meno 10 per cento», spiega Zurru.
ALSI Morale? Non si può più aspettare a braccia conserte il cliente in libreria, soprattutto se non si fa parte delle strutture di catena. Non è un caso infatti che gli operatori del settore facciano quadrato intorno all’Alsi, l’Associazione librai indipendenti sardi (15 aziende), che ha fatto parlare di sé respingendo al mittente (Rizzoli) l’obbligo di sconto del 25% sul nuovo titolo di Gianrico Carofiglio «perché azzerava ogni possibilità di guadagno», come spiegò la presidentessa Luciana Uda. Ed ecco che in città, sottolinea Mario Peddio, aritzese (ma casteddaio in quanto socio di Bastione, piazza Costituzione, Tiziano, via Tiziano, e Miele Amaro, via Manno) «l’Alsi raccoglie, oltre alle nostre librerie, Piazza Repubblica, Murru, Tuttestorie di via Orlando, Fahrenheit e Cuec. Tutte lanciatissime nell’offrire sempre più servizi al lettore». In sostanza: mai più sparsi ma coesi e creativi. Anche perché, conclude saggiamente Peddio «ogni stato di crisi impone un migliorarsi».
OLTRE LA VENDITA L’iniziativa che più salta all’occhio è il festival Tuttestorie (pluripremiato), organizzato a ottobre dalle libraie Claudia Urgu, Manuela e Cristina Fiori, che da 6 anni punta alla crescita per l’amore della letteratura che va seminata nella fase dell’infanzia e coltivata da ragazzi. I nuovi germogli ognuno a Cagliari li cura durante l’anno a seconda della fascia di clientela su cui punta. Un esempio è la libreria Murru, via San Benedetto, come spiega Sabina «ci si muove tra laboratori – Fotografia naturalistica con Giuseppe Sedda iniziato il 15 marzo- e i seminari» di grande fascino (e appena concluso) Storia dell’Ordine dei Templari di Fabio Marcello. «Nonché i corsi: dal 13 aprile “Essere Madre un viaggio senza fine nel mondo del diventare mamma”, con Valeria Mainas psicologa e psicoterapeuta o dal 17 aprile “Lettura ad alta voce”: leggere favole, filastrocche, poesie, con Angelo Trofa di Batisfera». Oppure come la Vertigo di via San Lucifero specializzata in cinema che propone serate a tema con buffet e proiezioni. L’ultima il 20 scorso, protagonista Hitchkock.
GLI AUTORI L’altra chiave è la presentazione con autore e ospiti a compendio. Perché, ha affermato a Cagliari il romanziere Fabio Geda, «su l’ebook non puoi certo farti apporre la firma dal tuo scrittore preferito». Così si va in libreria e con quell’autografo si dà un valore aggiunto (seppur nel tempo e a volte solo affettivo) al volume. Non c’è struttura che non programmi gli incontri. Ricca è ora quella lanciata con il giallista Enrico Pandiani da Tiziano, per anni punto di riferimento dei lettori forti, chiusa, e ora in fase di grande rilancio dopo un’ariosa ristrutturazione. Spiega Chiara Sorcinelli: «Il 29 il magistrato Gianni Caria con “La badante di Bucarest”, il 12 aprile Antonio Bachis “Mystery Shopper” e il 14 serata jazz con Claudio Loi autore di “Sardinia Hot Jazz” e Franco Bergoglio, “Magazzino Jazz”.
Francesco Abate

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
Gallery | This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s