Una gaffe di politica culturale della giunta Zedda a Cagliari

La situazione riportata anche sul blog di Vito Biolchini:

Dobbiamo riportare la legalità a Cagliari

Centro storico di Cagliari, quartiere Marina, il cuore più antico della città. Un tempo era brulicante di bambini e di studenti: il liceo Dettori dove studiava Gramsci, che poi è diventato il Liceo Artistico.
Per anni gli studenti d’arte hanno popolato il quartiere, ne occupavano le vie, le piazze, i caffé. Per anni la cartoleria della vicina via Dettori si era specializzata nelle forniture artistiche per pittori, scultori e quant’altro.
Poi la sede di quella scuola venne svuotata di studenti e insegnanti lasciando il quartiere più povero, in tutti i sensi.
All’ex Liceo Artistico non ci fu più nulla. I suoi locali vennero rattoppati alla bell’e meglio e rimase chiuso. Fino a che dapprima una, poi due e adesso qualche decina di associazioni ottennero in maniera informale (e quindi non legittima) l’autorizzazione a lavorare là dentro.
Adesso, da anni, nell’ex liceo artistico (in maniera non legittima, sia ben chiaro) si svolgono mostre, attività teatrali, un baby parking, scuole per stranieri, ecc. Insomma, il Liceo artistico, sia pure in maniera non ortodossa beninteso, da anni è tornato a essere uno dei centri più attivi della produzione culturale e dell’intervento sociale in città. Associazioni che occupano quegli spazi senza un affidamento ufficiale, senza una delibera, senza una determina, senza uno straccio di documento.

Dobbiamo riportare la legalità a Cagliari“.

Per di più alcune di quelle associazioni occupano quegli spazi in virtù di pur parler di ex assessori e ex dirigenti delle passate amministrazioni comunali, nemiche politiche giurate della presente amministrazione Zedda.

Cosa è successo:

L’amministrazione Comunale Zedda ha inviato alle associazioni occupanti l’ex Liceo Artistico un’intimazione di sgombero dei locali. Niente di strano, direte voi. È giusto. E io concordo: è giustissimo.
Sgomberare i locali perché ci sono dei vincitori regolari di bandi per la gestione dello spazio? No, non ci sono vincitori, non ci sono nemmeno i bandi, non c’è nessun progetto per lo spazio dell’ex Artistico.
Sgomberare gli spazi perché il Comune deve iniziare dei lavori di ristrutturazione dello spazio in oggetto? No. Non è previsto nessun lavoro imminente di nessun tipo e la comunicazione del Comune alle associazioni non nomina nemmeno questo.
Quindi secondo l’Amministrazione della Giunta Zedda il Liceo Artistico deve essere sgomberato ex abrupto lasciando sguarnito uno spazio diventato importante per la città e per il quartiere. Uno spazio dove lo stesso sindaco Zedda va assiduamente a vedere spettacoli lì allestiti.

Dobbiamo riportare la legalità a Cagliari” anche a costo di svuotarla del poco che già c’è, anche a costo di lasciare presìdi culturali come l’ “Ex Artistico” vuoti per mesi, per anni.

Cosa deduco io:
ci sono varie possibili motivazioni della mossa della giunta Zedda:

1 – La “legalità” non è una (irrinunciabile) modalità di intervento della azione politica: è essa stessa l’azione politica della Amministrazione. Ma allora, potrei obiettare, non avevamo bisogno di una giunta: bastava un PM.

2 – Bisogna assolutamente togliere le rendite di posizione degli amici dei miei nemici: sia per togliergli volani clientelari per il futuro che anche per semplice vendetta (oratoccaanoi e a voi basta). Questo deve rappresentare un obiettivo primario anche a costo di impoverire la città privandola del poco che, nel bene o nel male, esiste. Ma questo era il modo di ragionare di Forza Italia. Zedda dovrebbe avere un’altra formazione politica.

3 – La giunta Zedda e l’assessore Puggioni non hanno nessun potere reale e non riescono ad averlo. Tutto il potere è nelle mani dei dirigenti. A loro spetta qualsiasi intervento nella amministrazione della cosa pubblica e nulla si riesce a fare per agire una politica culturale attiva.

4 – La giunta Zedda, per fare il “lavoro sporco” di tabula rasa, senza guardare in faccia a nessuno, manda avanti i dirigenti ai quali ha attribuito il codice “00” che denota la licenza di uccidere.

5 – Gaffes come quella sull’ex Liceo Artistico nascono dal fatto che la cultura e gli spazi per la cultura non vengono percepiti come priorità. Le priorità sono altre, sentite sulla base delle sensibilità personali.

Come si sarebbe dovuto agire invece, secondo me:

Alcune le soluzioni possibili:

– Chi occupa uno spazio senza averne titolo deve liberarlo. Quindi subito un bando per la gestione dello spazio e avviso alle associazioni che dovranno abbandonare i locali appena formalizzata l’aggiudicazione.

– Far sgomberare subito i lacali per iniziare immediatamente i lavori di messa a norma della struttura e contestualmente preparare immediatamente i bandi.

– Far pagare agli occupanti provvisori un canone fino a assegnazione regolare della gestione.

Insomma, pur di non lasciare la città senza uno spazio diventato così importante e funzionante, ci sarebbero state queste e altre soluzioni. Sempre che si percepisca il problema degli spazi per le attività culturali come cruciale per la città. Sempre che l’odio per i nemici politici e per gli amici degli amici non sovrasti e accechi qualsiasi progettualità di intervento politico necessario.

C’è sempre tempo per rimediare agli svarioni, ce n’è anche per rimediare a questo. Basta rubare un po’ di tempo alla gravissima sciagura del Cagliari Calcio che se ne vuole andare via, e dedicare un po’ di tempo ai problemi culturali.

La crisi ci impone di prendere coscienza del fatto che gli unici pozzi petrolio che abbiamo da sfruttare sono l’ambiente e la cultura. La cultura è più importante del Cagliari Calcio, con tutto il rispetto.

Gianluca Floris

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
Gallery | This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s