florissensei

E stasera, che era Venerdì Santo, mi sono sorpreso a pensare a quale dovesse essere il pensiero di meditazione importante per questo giorno. Perché ogni giorno deve averne uno, per me. E allora Ho pensato che questa era un giorno di dolore. E ho pensato che il dolore più grande deve essere quello di un genitore che piange un figlio. Perché non è naturale che vada così. Dovrebbe morire prima il nonno, poi il genitore, poi il figlio e così via.
E allora ho pensato al dolore dei genitori davanti al cadavere di un figlio ucciso.
E in particolare ho pensato al dolore della mamma davanti al figlio morto. Perché quello della mamma deve essere un dolore ancora più straziante, perché quel figlio è sempre frutto del suo ventre, frutto dei suoi umori interni. E quel figlio ha imparato a conoscerlo nei nove mesi che l’ha costruito dentro di sé.

View original post 446 more words

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s