Difendo la mia identità attraverso il mio lavoro. Ecco come.

Un sardo che tutela la propria identità

florissensei

11156375_1079584415388255_8844921023320563329_n

Succede che qui a Bologna mettiamo su una produzione di Flauto Magico. Il Teatro Comunale di Bologna ha affidato la regia ai Fanny&Alexander, un gruppo di intervento e produzione teatrale fra i più coraggiosi della scena italiana e internazionale. Nel gruppo ci sono persone di Ferrara, di Roma e di Graz.

Noi del cast, invece, abbiamo un direttore pesarese e i cantanti sono finlandesi, greci, siciliani, napoletani, tedeschi, romagnoli, trentini, veneti e lombardi. Oltre a me, che sono cagliaritano.

Mettiamo in scena un’opera (un singspiel, per la precisione) che si intitola “Die Zauberflöte” (il Flauto Magico) composta dal salisburghese Mozart e dallo scrittore bavarese Schikaneder e tutti noi cantiamo e recitiamo in lingua tedesca. Fra noi del cast spesso si parla inglese, in quanto comoda lingua media, utile fra italiani, tedeschi, finlandesi e greci, ad esempio.

L’idea registica muove dalle idee espressive del regista svedese Ingmar Bergman, tratte sia dal…

View original post 492 more words

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s